Cos’è il sandboxing e come protegge dalle cyber minacce

Cos’è il sandboxing e come protegge dalle cyber minacce

Indice dei Contenuti

Negli ultimi decenni, l’aumento esponenziale della potenza di calcolo e di connettività ha portato a una profonda trasformazione digitale in tutti gli ambiti. Tutto ciò ha ampliato i punti di accesso per gli attacchi informatici, moltiplicando le cyber minacce per le persone, le aziende e le istituzioni.

Per far fronte a questa sfida in costante evoluzione, gli esperti di sicurezza informatica hanno dovuto aggiornare costantemente le strategie difensive. Una tecnica che si è rivelata particolarmente efficace è il sandboxing, cioè l’esecuzione di determinati processi o applicazioni all’interno di ambienti completamente isolati dal resto del sistema.

Il sandboxing è nato dall’esigenza dei programmatori di creare spazi virtuali protetti per testare il codice senza rischi. Con il tempo, questa logica è stata adottata anche in ambito di sicurezza informatica, dove ha rivoluzionato l’approccio all’analisi delle minacce.

In questo articolo vediamo la storia del sandboxing, cos’è, a cosa serve, quali sono le tecniche e i vantaggi del suo utilizzo.

Storia del sandboxing

Quando i computer sono diventati mainstream, gli sviluppatori hanno dovuto affrontare il problema di “come creare un ambiente isolato per testare il codice senza rischiare di danneggiare il sistema”. La risposta è stata creare uno spazio sicuro chiamato sandbox, un ambiente limitato per eseguire codice non sicuro, dove poter far “detonare” eseguibili senza compromettere l’ambiente di produzione.

Questo approccio funzionava bene e quindi è stato esteso alla sicurezza informatica, dove software potenzialmente dannosi o non sicuri potevano essere eseguiti in sicurezza senza compromettere i sistemi operativi in produzione. Isolando il codice potenzialmente non sicuro in un ambiente virtuale controllato, il sandboxing permetteva ai ricercatori di effettuare analisi dinamiche e rilevare modelli comportamentali di malware potenzialmente dannosi.

In ambito di ricerca sulla sicurezza, i sistemi sandbox sono utilizzati principalmente per la “detonazione automatica” di malware e per rilevare malware sconosciuti tramite l’analisi dell’intero ciclo d’attacco e il rilevamento dei modelli comportamentali.

Cos’è il sandboxing in cybersecurity

L’obiettivo delsandboxing è limitare o contenere le operazioni che il codice in esecuzione può compiere, in modo da prevenire qualsiasi azione dannosa come la modifica di file critici, l’accesso a risorse sensibili o l’invio non autorizzato di dati.

Ciò avviene utilizzando un ambiente protetto e isolato che consente di osservare, analizzare, rilevare e bloccare tutto ciò che può essere dannoso nell’ambito del ciclo di risposta agli incidenti nel security operation center.

Mediante l’utilizzo di un sandbox, è possibile condurre un’analisi avanzata dei malware facendo girare i file sospetti in un ambiente chiuso che simula il sistema operativo dell’utente finale. Il vantaggio chiave del sandboxing è osservare il comportamento di file eseguibili, script o documenti dannosi e consentire così di rilevare malware completamente nuovi e sconosciuti.

A cosa serve il sandboxing

Il sandboxing ha assunto un ruolo fondamentale nella sicurezza informatica a causa della crescente presenza di malware evoluti e attacchi avanzati. Viene utilizzato principalmente per:

  • Detonare software sospetti in modo sicuro e analizzarne il comportamento;
  • Isolare processi per mitigare exploit di vulnerabilità;
  • Ricerca di minacce per comprendere le caratteristiche dei malware emergenti;
  • Proteggere dispositivi IoT isolando le applicazioni e limitando l’accesso ai dati sensibili.

Il sandboxing garantisce un ulteriore livello di difesa e protezione da minacce sconosciute come zero-day.

OPSWAT Filescan Sandobx

Tecniche di sandboxing

Esistono tecniche a livello di sistema operativo come virtual machine, container ed emulazione, e tecniche a livello di applicazione come software wrapper e sandbox per browser.

Ecco un approfondimento sulle tecniche di sandboxing:

Livello di sistema operativo

Virtual machine

Le virtual machine (VM) emulano l’hardware per eseguire istanze multiple di un sistema operativo. Forniscono un elevato livello di isolamento tra host e guest, permettendo di eseguire software non sicuri o creare ambienti separati per diversi compiti.

Container

I container rappresentano una virtualizzazione leggera che condivide il kernel dell’OS host, ma isola l’applicazione e le sue dipendenze. Questo approccio offre un utilizzo più efficiente delle risorse rispetto alle VM pur mantenendo un elevato isolamento.

Emulazione

Una sandbox basata sull’emulazione è un ambiente virtuale dove software o sistemi possono essere emulati per test, detonazione o analisi di sicurezza. Questi sandbox creano un ambiente isolato per software e sistemi, schermandoli dall’OS host e da altre applicazioni per minimizzare danni o interferenze. Implementano misure di sicurezza per detonare i malware e prevenirne eventuali attività malevole con prestazioni  elevate e tempi di risposta bassi.

Livello di applicazione

Software Wrapper

I software Wrapper agiscono come layer di protezione attorno a un’applicazione, limitandone i privilegi e controllando l’accesso alle risorse di sistema. Utili per limitare app potenzialmente dannose pur consentendone il funzionamento.

Sandbox per browser

I moderni browser usano tecniche di sandboxing per isolare il contenuto web dal sistema utente, proteggendo i dati da siti o script dannosi che potrebbero sfruttare vulnerabilità del browser o del sistema operativo.

Vantaggi del sandboxing

Il sandboxing fornisce numerosi vantaggi in termini di sicurezza, proteggendo da minacce note e sconosciute.

Maggiore sicurezza

Il sandboxing aggiunge un ulteriore livello di difesa, consentendo di rilevare e isolare malware/software dannosi. Eseguendo il codice sospetto in ambienti sandbox protetti, vengono ridotti i rischi di violazioni e mantenuti i dati al sicuro.

Protezione da minacce sconosciute

È un metodo affidabile per prevenire minacce emergenti o malware avanzati che eludono i normali metodi di rilevamento. Tramite detonazione controllata in sandbox, le aziende sono protette da attacchi zero-day.

Migliore intelligence di threat hunting

I sandbox testing forniscono informazioni fondamentali per definire un profilo delle minacce, utile per la prevenzione di futuri rischi analoghi.

Contattaci per scoprire come proteggere la tua azienda dai cyber attacchi con OPSWAT Filescan Sandobx.

Condividi: